Ultimora

 


CINEMA OGGI
Oscar per Pinocchio 
La fiaba di Collodi rivista da Benigni ha avuto la meglio sul film di Crialese, Respiro. 

L’attore e regista Benigni, candidato per la seconda volta a rappresentare l’Italia agli Oscar nella categoria “miglior film straniero”. Pinocchio, com’era prevedibile, ha avuto la meglio su Respiro di Emanuele Crialese. 
Il film del giovane Crialese non ce l’ha fatta contro il colosso Medusa-Miramax. Nonostante abbia speso grandi energie e mezzi arrivando persino a mandare una cassetta del film a ciascuno dei 380 membri della giuria presieduta da Gianluigi Rondi e composta dai giurati del Premio David di Donatello.
Ma la scelta davvero controcorrente sarebbe stata la candidatura del bel film di Bellocchio 
L’ora di Religione , anche se era chiaro fin dall’inizio che ciò sarebbe stato impossibile viste soprattutto le polemiche infuocate dei cattolici che l’opera ha scatenato. Bellocchio e Crialese potranno avere almeno una consolazione: tra gli esclusi eccellenti c’è anche Pedro Almodovar con il suo struggente e straordinario Parla con lei. 
La Spagna, al contrario dell’Italia, ha preferito non puntare su un regista già vincitore del premio Oscar, scegliendo Los Lunes al sol di Fernando Leon De Aranoa, una commedia a sfondo sociale guidata da un Javier Bardem in versione proletaria.
Pinocchio dovrà vedersela con titoli prestigiosi. 
Tra i tanti ringraziamenti, il comico toscano non si è scordato di Vittorio Cecchi Gori, che ha coprodotto il film. Benigni, che si recherà negli Stati Uniti la prossima settimana per la campagna promozionale del film, ha annunciato che non doppierà se stesso nella versione in lingua inglese. 
Ora spetta all’Academy scegliere le 5 opere che correranno per la statuetta. Le nomination saranno annunciate uffialmente il prossimo 11 febbraio.